Emilio Didonè: priorità del Paese le politiche sociosanitarie e l'assistenza agli anziani

Emilio Didonè: priorità del Paese le politiche sociosanitarie e l'assistenza agli anzianiEmilio Didonè: priorità del Paese le politiche sociosanitarie e l'assistenza agli anziani
Emilio Didonè: priorità del Paese le politiche sociosanitarie e l'assistenza agli anzianiEmilio Didonè: priorità del Paese le politiche sociosanitarie e l'assistenza agli anziani
Emilio Didonè: priorità del Paese le politiche sociosanitarie e l'assistenza agli anzianiEmilio Didonè: priorità del Paese le politiche sociosanitarie e l'assistenza agli anziani
Emilio Didonè: priorità del Paese le politiche sociosanitarie e l'assistenza agli anzianiEmilio Didonè: priorità del Paese le politiche sociosanitarie e l'assistenza agli anziani
Emilio Didonè: priorità del Paese le politiche sociosanitarie e l'assistenza agli anzianiEmilio Didonè: priorità del Paese le politiche sociosanitarie e l'assistenza agli anziani

Agli Stati generali dell'invecchiamento attivo l'intervento del Segretario generale Fnp Cisl

"L’invecchiamento della popolazione e la sfida sulla sanità sono argomenti sui quali bisogna intervenire tempestivamente con riforme che permettano di vivere dignitosamente, avendo a disposizione i servizi essenziali”: lo ha detto Emilio Didonè, segretario generale della Fnp Cisl, in apertura del suo intervento oggi 3 ottobre agli “Stati Generali dell’invecchiamento attivo”, evento organizzato da Happy Ageing, l’Alleanza italiana per l’invecchiamento attivo, nata per promuovere nel nostro Paese politiche e iniziative volte a tutelare la salute dell’anziano e a sviluppare le indicazioni della Commissione europea sul fronte dell’invecchiamento attivo, e della quale fa parte anche la Fnp Cisl.

“In un Paese come il nostro - ha proseguito Didonè - dove gli over 65 oggi sono uno su quattro mentre nel 2050 arriveranno ad essere uno su tre, le politiche sanitarie e l’assistenza agli anziani sono una priorità alla quale le Istituzioni devono prestare la massima attenzione, ponendo in essere tutte quelle riforme che possano rivelarsi necessarie per garantire il diritto alla salute sancito dalla nostra Costituzione".

“Bisogna investire maggiori risorse per risanare il SSN, andando incontro anche alle esigenze delle famiglie sulle quali grava il peso derivante dal dover far fronte con le loro disponibilità economiche alle spesa per badanti e servizi sanitari per poter assicurare l’assistenza ai propri cari malati o anziani. E' per questo motivo - ha concluso il segretraio generale della Cisl Pensionati - che ci appelliamo ancora una volta al governo affinchè si adoperi per riformare il Servizio sanitario nazionale, garantendo a tutti una sanità pubblica e universale capace di rispondere ai bisogni del malato."

 

Qui l'intervento integrale del segretario generale Fnp Cisl, Emilio Didonè

 

03/10/2023

Condividi l'articolo su: